L’OROLOGIO DELLA VITA:IL SEGRETO DELLA SALUTE ULTRACENTENARIA.

Teano Tenuta San Massimo
16 Dicembre 2017
Ore 16:00

             L’invecchiamento cellulare è un’alterazione metabolica che nasce nella cellula, alla base di tutte le malattie croniche (diabete, ipertensione, cardiopatie, cancro ecc..): si tratta dell’ Inflammaging. L’inquinamento ambientale e l’alimentazione sono concausa (talvolta la principale) di tale processo. Controllando questi due aspetti possiamo intervenire con successo al fine di riequilibrare le nostre cellule, riparando i danni metabolici causati dall’accumulo di tossine. Ciò ci consente di:

– migliorare direttamente o indirettamente il metabolismo di proteine, carboidrati, e grassi (per esempio dimagrire e mantenere più facilmente un adeguato Indice di Massa Corporea);

– migliorare le funzioni endocrino-metaboliche età correlate nell’uomo e nella donna;

– invertire l’evoluzione delle malattie neurodegenerative.

– invertire il danno da arteriosclerosi;

– controllo delle sindromi autoimmuni;

– prevenire il cancro;

 

L’incontro si propone di offrire ai partecipanti una visione globale delle ultime novità in ambito nutrizionale e verrà esposto ed approfondito il tema dell’alimentazione come quotidianità della nostra famiglia e come stile di vita.

Perché sostenere la ricerca sulla riprogrammazione cellulare

Una ricerca molto singolare unica e tutta italiana: combattere le alterazioni epigenetiche alla base dello squilibrio della cellula tumorale nel tentativo di riprogrammarne il genoma attraverso un ripristino dei suoi corretti segnali. Questo fenomeno potrebbe cambiare il paradigma scientifico dell’immortalità della cellula neoplastica. Un articolo pubblicato nel 1988 su Cancer Letter dell’Istituto di Medicina del Lavoro dell’Università di Trieste insieme a ricercatori dell’Istituto Nazionale dei Tumori di Milano è la premessa su cui si basa la nostra ricerca: studiare i tumori come se fossero patologie reversibili. I dati mostravano infatti come fattori del microambiente embrionario fossero in grado di riprogrammare le cellule tumorali, riconducendole ad un comportamento normale.

Sostienici, se puoi.

 

Programma:

“Presentazione della Fondazione DD Clinic in memoria di G. Squeglia. “

Presidente: Ventriglia Maria Luisa

Programma e Relatori

Cellule Staminali Vegetali: Germogli e Gemme

Francesco Dott. Di Tuoro

Ghiandola Pineale “L’interruttore Biologico”

Dott. A. Del Buono

Combattere le patologie con l’alimentazione:”Il Digiuno Terapeutico”

Dott. A. D’Orta

Differenze tra le  coltivazioni convenzionali  e Biologiche

Dr.Nicola De Monaco

Concluderanno

Dott.ssa Luz Marina Donninelli

               chef Michele Neri

Ospite d’Onore: M° Antonio Pompa

 

Cookies vegani

Cookies vegani per una gustosissima, ma sana merenda!

Ingredienti per circa 20 biscotti :

  • 70 gr di farina di avena
  • 130 gr di farina di riso
  • 60 gr di zucchero di cocco
  • 60 gr di latte di riso
  • 60 gr di olio evo 70 gr di gocce di cioccolato extra fondente
  • 10 gr di bicabornato
  • 1 bustina di cremor tartaro

Preparazione:

  1. mescolare prima, in una grande ciotola, le componenti in polvere ,
  2. aggiungere poi quelle liquide e formare l’impasto.
  3. Dare forma ai biscotti con un cucchiaio e depositarli su una teglia coperta da carta da forno.
  4. Cuocere a 170 gradi per circa 15 minuti ( fino a doratura).

Ricetta Pane Azimo

Le farine antiche sono grani non rimaneggiati dall’uomo, sono meno raffinati e si prestano ad essere la vorati con le macine a pietra, rispettando e preservando il germe con tutte le sue proprietà benefiche. Mantengono un rapporto più equilibrato tra presenza di amidi e glutine, tale condizione ne conferisce una maggiore digeribilità e minore intolleranza. L’assenza di qualsiasi lievitante fornisce un ulteriore pregio in termini di riequilibrio dell’immenso mondo dei batteri che sono nell’intestino.

  • 1 kg di farina intera integrale
  • 1 bicchiere di acqua
  • 1 e mezzo di bicarbonato
  • 3 cucchiai di olio evo
  • Un pizzico di sale

Impastare gli ingredienti fino a formare un panetto omogeneo e corposo ed infornare a 200 gradi per 30- 35 minuti.

Muffin senza glutine per una colazione salutare

Muffin senza glutine per una colazione salutare

Ingredienti

  • 200 gr di farina di castagne
  • 70 gr di fecola
  • 110 gr di zucchero di canna
  • 1 bustina di lievito
  • 10 gr di cacao amaro
  • Sale
  • 70 ml di olio di semi
  • 200 ml di latte vegetale ( riso o avena)

Preparazione:

  1. Mescolare tra loro prima le componenti in polvere e aggiungere poi le parti liquide.
  2. Dopo aver ottenuto un impasto omogeneo, versarlo negli stampini e infornare per circa 30 min

I Barbabiscotti pere, carote e mandorle

La Barbabietola ha la proprietà di essere ricca in Flavonoidi, utili a proteggere l’organismo dallo stress elettrofilo ed inoltre è essenziale per un miglior metabolismo della vitamina A ed E, in particolare per soggetti che manifestano disturbi della vista ed alterazioni dell’olfatto. Il consumo della Barbabietola viene limitato solo nei soggetti che soffrono di calcolosi recidivanti.

Il nostro suggerimento è di farla utilizzare a tutti in maniera intermittente.

Ricetta della dottoressa Eliana Amato : I Barbabiscotti pere, carote e mandorle

Ingredienti per circa 30 biscotti

  • 180 gr di barbabietole
  • 300 gr di carote
  • 400 ml di latte di mandorla
  • 200 gr di farina di riso integrale
  • 2 pere
  • 5/6 fettine di zenzero
  • 4 cucchiai di malto di riso
  • 3 cucchiai di crema di mandorle 100%
  • 2 cucchiai di succo di limone
  • 1 pizzico di sale marino integrale
  • 100 gr di mandorle
  • 1 cucchiaio di semi di lino macinati

Preparazione:

  1. Tagliare a pezzetti le barbabietole e le carote e cuocerle con il latte di mandorla per circa 15-20 minuti.
  2. Aggiungere le pere e le fettine di zenzero , tagliati a pezzetti.
  3. Quando le carote e le barbabietole saranno tenere , spegnere il fuoco e far raffreddare per qualche minuto.
  4. Tritare un cucchiaio di semi di lino e lasciarli in ammollo in acqua.
  5. In una ciotola mescolare la farina di riso integrale setacciata con bicarbonato e sale.
  6. Frullare, fino a ridurlo in crema, il composto di barbabietole, pere e zenzero, aggiungere il limone e i semi di lino, e mescolare.
  7. Unire anche il malto di riso e la crema di mandorle, e versare il composto nella ciotola con la farina. Con un cucchiaio formare delle palline su una teglia ricoperta di carta antiaderente, schiacciandole leggermente.
  8. Guarnire i biscotti con la  granella di mandorle ed infornare in forno ventilato a 200 gradi per circa 15 minuti.

 

I biscotti risulteranno croccanti fuori e morbidi dentro.