I Barbabiscotti pere, carote e mandorle

La Barbabietola ha la proprietà di essere ricca in Flavonoidi, utili a proteggere l’organismo dallo stress elettrofilo ed inoltre è essenziale per un miglior metabolismo della vitamina A ed E, in particolare per soggetti che manifestano disturbi della vista ed alterazioni dell’olfatto. Il consumo della Barbabietola viene limitato solo nei soggetti che soffrono di calcolosi recidivanti.

Il nostro suggerimento è di farla utilizzare a tutti in maniera intermittente.

Ricetta della dottoressa Eliana Amato : I Barbabiscotti pere, carote e mandorle

Ingredienti per circa 30 biscotti

  • 180 gr di barbabietole
  • 300 gr di carote
  • 400 ml di latte di mandorla
  • 200 gr di farina di riso integrale
  • 2 pere
  • 5/6 fettine di zenzero
  • 4 cucchiai di malto di riso
  • 3 cucchiai di crema di mandorle 100%
  • 2 cucchiai di succo di limone
  • 1 pizzico di sale marino integrale
  • 100 gr di mandorle
  • 1 cucchiaio di semi di lino macinati

Preparazione:

  1. Tagliare a pezzetti le barbabietole e le carote e cuocerle con il latte di mandorla per circa 15-20 minuti.
  2. Aggiungere le pere e le fettine di zenzero , tagliati a pezzetti.
  3. Quando le carote e le barbabietole saranno tenere , spegnere il fuoco e far raffreddare per qualche minuto.
  4. Tritare un cucchiaio di semi di lino e lasciarli in ammollo in acqua.
  5. In una ciotola mescolare la farina di riso integrale setacciata con bicarbonato e sale.
  6. Frullare, fino a ridurlo in crema, il composto di barbabietole, pere e zenzero, aggiungere il limone e i semi di lino, e mescolare.
  7. Unire anche il malto di riso e la crema di mandorle, e versare il composto nella ciotola con la farina. Con un cucchiaio formare delle palline su una teglia ricoperta di carta antiaderente, schiacciandole leggermente.
  8. Guarnire i biscotti con la  granella di mandorle ed infornare in forno ventilato a 200 gradi per circa 15 minuti.

 

I biscotti risulteranno croccanti fuori e morbidi dentro.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *